I muscoli dello swing


Vi siete mai chiesti quali siano i muscoli più usati quando si compie uno swing? Quali sia meglio rinforzare durante gli allenamenti in palestra o in piscina? Ebbene, nel nostro corpo, ci sono tre zone muscolari principali da migliorare e da potenziare per giocare a golf. Così facendo, si potranno ottenere swing più potenti, migliorando il proprio gioco ed evitando di farsi male.

La prima zona, più importante, è formata dai muscoli centrali: i core muscles. Per intenderci, sono quelli alti e bassi della schiena; quelli dei fianchi; quelli del bacino e quelli dell’addome, con gli obliqui, il traverso e gli addominali. Tutti questi muscoli creano un robusto collegamento fra la parte superiore e quella inferiore del corpo. Devono essere forti ma flessibili. E se fossero deboli o rigidi rischierebbero di togliere potenza a molti movimenti. Tutti questi muscoli sono quindi la chiave per uno swing perfetto, poiché garantiscono rotazione, equilibrio e potenza.

Più si potenziano i muscoli centrali e più si evitano i classici infortuni alla schiena, uno dei più grandi problemi dei professionisti e degli amateur. I muscoli centrali, inoltre, permettono di stabilizzare la spina dorsale durante i movimenti dinamici come lo swing ed evitano che venga sforzata troppo la schiena.

La seconda area è composta dai glutei e dagli Hamstrings, o muscoli ischio-crurali. Questi ultimi si trovano nella zona posteriore della coscia e sono composti dal Semitendinoso, dal Semimembranoso e dal Bicipite Femorale. I glutei e gli Harmstrings aiutano a mantenere la postura e l’equilibrio durante tutto lo swing. Gli Harmstrings, come i muscoli centrali, aiutano a evitare infortuni alla schiena, come gli strappi.

La terza area non è composta da muscoli ma da una specifica caratteristica, che ciascuno di noi deve avere per compiere al meglio lo swing e qualsiasi altro movimento: la flessibilità. Una scarsa flessibilità può seriamente ostacolare lo swing, facendo sì che si perda potenza e consistenza nel proprio gioco. Ciò che conta di più però, è il rischio che la poca flessibilità possa portare a gravi infortuni.

Lo swing è un movimento estremamente tecnico, costituito da una torsione del busto e una serie di movimenti innaturali soprattutto per chi si appresta ad impararlo in età matura. Ciò che rende difficile l’esecuzione dello swingè essenzialmente il fatto di sollecitare muscoli pressoché inattivi nella vita quotidiana e l'esigenza di una buona coordinazione.

corpo umano, analizzato sotto l'aspetto biomeccanico nell'esecuzione dello swing, è un sistema di tre leve: la prima è la spalla sinistra, intesa come la distanza dello sterno dall'estremità di essa; la seconda è il braccio sinistro disteso e la terza è il bastone con perno sui polsi. Lo swing altro non è che il movimento ritmato e connesso di queste tre leve, con implicazioni che ricadono poi su molte altre parti del corpo che devono muoversi rispettando una precisa sequenza.

Di fatto, durante l'esecuzione dello swing, il giocatore esegue due movimenti indispensabili e fondamentali: le spalle effettuano una rotazione di circa 85-90 gradi nel backswing attorno al centro dello swing (lo possiamo visualizzare come la proiezione dello sterno sulla colonna vertebrale) per poi eseguire la stessa rotazione nel downswing e, attraverso la palla, fino a completamento del movimento. Questo movimento rotatorio del busto è assolutamente il più importante nella dinamica dello swing, poichè attraverso tale rotazione e insieme alle forze generate con il terreno, si crea forza centrifuga da trasmettere alle braccia e quindi al bastone per colpire la pallina.

A tal proposito è importante sottolineare come nei giocatori dilettanti la difficoltà che si riscontra maggiormente non è quella di eseguire una sufficiente rotazione bensì quella di effettuarla sul piano corretto.

Osservando lateralmente la posizione di partenza del giocatore, si può vedere che la schiena è inclinata in avanti (con una inclinazione variabile a seconda del bastone che si è impugnato). La rotazione della schiena durante lo swing deve essere eseguita mantenendo la stessa inclinazione di partenza, un'azione, che richiede molto allenamento. Se si vorrà mantenere il centro dello swing sempre alla stessa distanza dalla pallina non dovranno esserci movimenti verticali del busto, o comunque non dovranno essere eccessivi. Le braccia invece, hanno il compito di alzare il bastone e, con la flessione dei polsi, mettere in movimento la terza leva (il bastone). Durante l'esecuzione dello swing questi due movimenti devono essere effettuati coordinatamente e in connessione per ottenere un colpo ripetitivo. Chiaro che l'azione di salita di braccia e bastone eseguita in connessione con la rotazione del busto determina il movimento di vari parti del corpo che, come detto in precedenza, contribuiscono alla riuscita del colpo.

Il nostro bastoncino Bungypump può essere impiegato per dare ottimi risultati ai giocatori di golf che vogliono allenare i tre distretti muscolari impegnati nello swing.


14 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

The muscles of the swing

Have you ever wondered what are the most used muscles when you make a swing? Which is better to strengthen during workouts in the gym or in the pool? Well, in our body, there are three main muscle are

FOLLOW

Twitter

 

Facebook

© 2017 By Bungypump Italia Piazza Mentana n. 5 - 15121 Alessandria

Tel. 347 7568251

CONTACT 

Norme a protezione dei dati sensibili.

I dati personali identificativi e informatici, raccolti presso coloro che vorranno essere informati dell'attività della nostra Associazione, iscrivendosi alla nostra newsletter, , sono utilizzati direttamente per adempiere alla richiesta di invio della medesima, avente ad oggetto messaggi informativi e comunicazioni sull'attività di questa Associazione sportiva, nel completo rispetto dei principi di liceità e correttezza e delle disposizioni di legge. I dati raccolti non saranno oggetto di divulgazione e di diffusione. L'interessato potrà ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. Cliccando su SEND confermo ed accetto l'utilizzo dei dati indicati nel Form soprastante